MAROCCO

Dalle città imperiali al deserto di Erg Chebbi

MAROCCO
0.0/5 rating (0 votes)

MAROCCO 2006

Il Marocco è un paese che conserva inalterato il suo fascino e la sua potenza di attrazione, fatta di condizioni ambientali, climatologiche, culturali ed etnologiche di indubbio valore, tessuti contro le sfumature arcobaleno dei tramonti, contro le cime della catena dell’Atlante e la luminosità perfetta degli azzurri cieli tersi. Da Casablanca puntiamo su Rabat, la capitale del paese di cui sono immagine la Av. Hassan II per la parte moderna e per la parte antica le mura degli Andalusi, la Moschea dell’Artigianato, l’antica porta almohade, i giardini e la torre di Hassan, il palazzo reale, le vie e i souk della kasbah. Poi arriviamo ai 25 km di mura di Meknes, costruita alla fine del ‘600 con i suoi monumenti, la medersa di Bou Inania, il mausoleo di Moulay Islmail, il complesso di Heri es Souani e la Medina. Sulla strada per Fez un gioiello romano: le rovine dell’antica Volubilis tutta da visitare, terme, foro, basiliche. Con un balzo brevissimo siamo a Fes la più antica città imperiale del Marocco e una delle più prestigiose del mondo islamico che conserva intatto l’aspetto e lo spirito trasmessole dai secoli precedenti con le torri, le mura, il vecchio mechouar (palazzo dell’assemblea reale), il quartiere e la moschea andalusa e i souk. Si giunge quindi a Bhalil pittoresco ed ospitale paese con le case ricavate dalle rocce. Scavalchiamo l’Atlante e raggiungiamoAr-Rachidia e l’oasi di Meski, poi attraverso suggestive kasbah raggiungiamo il deserto. Arriviamo fino alla deliziosa oasi di Rissani e ai suoi palmizi dai quali faremo un salto rapidissimo sino alle dune di Merzouga, per dormire sulle dune sotto le stelle o nelle tende dei nomadi berberi. Quindi Erfoud e si risale lentamente verso le suggestivissime gole del Todra e nelle ancor più tortuose gole di Dades non mancando di passare qualche notte nei castelli berberi ancora oggi ultima difesa verso i predoni del deserto. Qui puntiamo su Ouarzazate in piena atmosfera berbera tra le kasbah e le ksar allungate lungo il corso del fiume Dra. Ait Ben Haddou con una delle più belle kasbah del Marocco e infine Marrakech, con la sua fantastica Piazza degli Impiccati dalla quale ha inizio l’affascinante viaggio all’interno della Medina, dei suoi meravigliosi souk dell’artigianato (tintori, orafi, pellettieri, sarti), in mezzo a un mare di gente dai coloratissimi caffetani tra fortissimi profumi di spezie bruciate, tra i venditori d’acqua e i cesti degli incantatori di cobra. Di nuovo Casablanca e poi il ritorno in Italia.

marocco 2006 004 800x599marocco 2006 013 800x599marocco 2006 015 800x599marocco 2006 024 800x599marocco 2006 038 800x599marocco 2006 045 800x599marocco 2006 065 800x599marocco 2006 069 800x599marocco 2006 072 800x599marocco 2006 118 449x600marocco 2006 125 800x600marocco 2006 126 800x599marocco 2006 136 800x599marocco 2006 140 800x599marocco 2006 141 800x599marocco 2006 149 800x599marocco 2006 182 800x599marocco 2006 185 800x599marocco 2006 196 800x599marocco 2006 203 800x600marocco 2006 204 800x599marocco 2006 208 800x599marocco 2006 210 800x599marocco 2006 226 800x599marocco 2006 232 800x599marocco 2006 245 800x599marocco 2006 250 800x599marocco 2006 265 800x599marocco 2006 271 800x599marocco 2006 281 800x599marocco 2006 282 800x599marocco 2006 283 800x599marocco 2006 288 800x599marocco 2006 290 800x599marocco 2006 312 800x599marocco 2006 318 800x599marocco 2006 326 800x599marocco 2006 330 800x599marocco 2006 334 800x599marocco 2006 347 800x599marocco 2006 352 800x599marocco 2006 362 800x599marocco 2006 371 800x599marocco 2006 372 800x599marocco 2006 390 800x600marocco 2006 394 449x600

Condividi questo articolo

Leave a comment

You are commenting as guest.

lUCA DI BIANCA

SCRITTORE-VIAGGIATORE
Luca Di Bianca è uno scrittore-viaggiatore e scrive per beneficenza. I proventi dei suoi libri hanno finanziato diversi progetti e associazioni

Sostieni i miei progetti acquistando i libri. Contattami o clicca sull'icona Amazon.