LE FERITE DELLA BOSNIA

Viaggio tra Orfanotrofi, istituti psichiatrici e famiglie disagiate

LE FERITE DELLA BOSNIA
5.0/5 rating (6 votes)

BOSNIA, Aprile 2022

Grazie alle persone che continuano ad acquistare i miei libri il cui guadagno rende possibile tutto questo: donazioni in denaro, materiale sportivo e didattico, vestiti e giocattoli.

ORFANOTROFIO DI MOSTAR "Djeciji dom"

articolo mostarIMG 0053 800x534IMG 0056 800x534IMG 0062 ok 800x564IMG 20220404 112127038 HDR 800x600IMG 20220404 130644885 HDR 681x600IMG 20220404 130904238 ok 800x600

HADZICI, visita e donazioni ad alcune famiglie disagiateIMG 20220404 WA0052 800x600IMG 0091 800x534IMG 20220404 171658809 514x600IMG 0079 800x534IMG 0088 800x534IMG 0093 800x534IMG 0098 800x534IMG 20220404 171333137 800x600

ISTITUTO PER DISABILITA' FISICHE E MENTALI, ZAVOD DRIN, FOJNICA

Laboratorio dei ragazzi disabili per fare i "lavoretti" da vendere nei mercati locali e donazioniIMG 20220405 114659507 HDR 800x600IMG 20220405 114739245 800x600IMG 20220405 120153979 HDR 800x600IMG 20220405 121453929 HDR 800x600BOSNIAIMG 20220405 121551632Screenshot 20220409 173933 270x600 2Traduzione "Lo sport non ha confini Pubblicato 6. aprile 2022 Tre italiani, atleti attivi, allenatori di calcio, volontari del cuore, Cristina, Luca e Nicolas hanno trascorso la giornata con gli allenatori del KSS Drin Institute."

SARAJEVO

"cupe vampe livide stanze, occhio cecchino etnico assassino; alto il sole sete e sudore, piena la luna nessuna fortuna. Ci fotte la guerra ceh armi non ha, ci fotte la pace che ammazza qua e là, ci fottono i preti i pope e i mullah, l'ONU, la NATO, la civiltà. Bella la vita dentro a un catino, bersaglio mobile di ogni cecchino, bella la vita a Sarajevo città, questa è la favola della viltà." (GLF)

BascarsijaBOSNIAIMG 0177 800x534BOSNIAIMG 0104 800x533BOSNIAIMG 0185BOSNIAIMG 0196BOSNIAIMG 20220406 154845404Biblioteca di Sarajevo, ricostruita dopo essere stata distrutta dall'esercito della Repubblica Srpska nel 1992 durante l'assedio che durò fino al 1996.BOSNIAIMG 0170 800x533Le rose di Sarajevo sono dei simboli commemorativi; della resina rossa è stata versata nei fori sull'asfalto provocati dalle bombe durante l'assedio.BOSNIAIMG 0192 800x534Il tunnel di Sarajevo fu costruito durante l'assedio dai bosniaci con lo scopo di collegare la città  che era stata interamente isolata e circondata dalle forze serbe, con un'altra e molto più estesa parte del territorio bosniaco, passando al di sotto dell'area neutrale dell'aeroporto istituita dalle Nazioni Unite. BOSNIAIMG 0111 800x533BOSNIAIMG 0115 800x533Il ponte latino, nei cui pressi nel 1914 fu ucciso l'erede al trono di Austria e Ungheria Francesco Ferdinando d'Asburgo-D'Este e la moglie da parte dello studente serbo Gavrilo Princip.BOSNIAIMG 0194 800x537

SREBRENICA

Il massacro di Srebrenica è stato un genocidio di 8372 bosniaci musulmani e quasi altrettanti dispersi, per la maggioranza ragazzi e uomini, avvenuto nel luglio 1995 durante la guerra in Bosnia ed Erzegovina.

La strage fu perpetrata da unità dell'Esercito della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina guidate dal generale Ratko Mladić, in quella che al momento era stata dichiarata dall'ONU come zona protetta e che si trovava sotto la tutela di un contingente olandese dell'UNPROFOR.

La sentenza della Corte internazionale di giustizia del 2007 ha stabilito che il massacro, essendo stato commesso con lo specifico intento di distruggere il gruppo etnico dei bosgnacchi, costituisce un "genocidio". Ratko Mladić e Radovan Karadžić (all'epoca presidente della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina) sono stati condannati  all'ergastolo.

IMG 0119 800x533kgkIMG 0131 800x533IMG 0133 800x533Quando l'Esercito della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina riesce ad entrare definitivamente nella città di Srebrenica, migliaia di musulmani si accalcano intorno al quartier generale dai caschi blu dell'ONU olandesi.BOSNIAIMG 0151 800x533I militari olandesi e i rifugiati radunati intorno alla loro base assistettero inermi ad episodi di violenza. Alcuni uomini furono portati via e uccisi, alcune donne violentate. BOSNIAIMG 0147 800x513Sembravano uccisioni casuali, invece era un massacro «pianificato e coordinato ad alto livello».BOSNIAIMG 0166 800x533300 persone che avevano trovato rifugio all’interno della base, furono consegnati ai serbi dagli stessi caschi blu.BOSNIAIMG 0145 800x533I maschi dai 12 ai 77 anni furono separati dalle donne, dai bambini e dagli anziani, apparentemente per essere interrogati.BOSNIAIMG 0148 800x533I prigionieri venivano imbarcati su camion e autobus. A quel punto venivano trasportati lontani dalle zone abitate, fatti scendere, messi in fila e uccisi con un colpo alla testa. I loro corpi venivano poi spinti con alcuni bulldozer dentro fosse comuni e sepolti.BOSNIAIMG 0144 800x533Sono state scoperte decine di fosse comuni e i resti umani sono state identificati grazie agli esami del DNA.BOSNIAIMG 0169 800x533-«Ce ne torniamo a casa» cantano i soldati olandesi in calzoncini corti mentre ballano e tracannano birra con i serbi che applaudono divertiti- (cit)BOSNIAIMG 0168 800x533...rimangono i loro vergognosi graffiti nel quartier generale... protagonisti e complici delle violenze sessuali inflitte alle donne bosniacheIMG 0154 800x533fffIMG 0156 800x533IMG 0157 800x533IMG 0158 800x533zzz

...DON'T FORGET...

BOSNIAIMG 0201 800x533

...passaggio a Trebinje e alcuni vestiti e giochi donati...

LE FERITE DELLA BOSNIA - BOSNIAIMG_0029_800x533_da38bd21c43401f3531dd12dc6e42b3f
LE FERITE DELLA BOSNIA - BOSNIAIMG_0022_800x533_20596a282d0148df9c9e2e070944df25
LE FERITE DELLA BOSNIA - BOSNIAIMG_20220326_140835859_800x600_ef94657aa2e8de0a236d42148264a5ae
LE FERITE DELLA BOSNIA - BOSNIAIMG_20220326_141125617_800x600_f6fb57c6e049e9276a54e249b40d65e9
LE FERITE DELLA BOSNIA - BOSNIAIMG_20220326_135844350_800x600_73e56044c6b23369664f3f43b9e2572f
LE FERITE DELLA BOSNIA - BOSNIAIMG_20220326_143202322_800x600_75c10b29c3d8b07e6dde7ff0cf7cf4a3
LE FERITE DELLA BOSNIA - BOSNIAIMG_20220326_141926275_HDR_800x600_26023f672941fecf4ee8ac4031903f45
LE FERITE DELLA BOSNIA - BOSNIAIMG_20220327_180125564_HDR_800x600_15b6f834cb8af242f3206bfdce7a012c
LE FERITE DELLA BOSNIA - BOSNIAIMG_20220326_144820382_800x600_d1e3842b97c429120b0a1b9b48887355

Condividi questo articolo

Leave a comment

You are commenting as guest.

lUCA DI BIANCA

SCRITTORE-VIAGGIATORE
Luca Di Bianca è uno scrittore-viaggiatore e scrive per beneficenza. I proventi dei suoi libri hanno finanziato diversi progetti e associazioni

Sostieni i miei progetti acquistando i libri. Contattami o clicca sull'icona Amazon.