Articles in Category: Progetti

CALAMITE + IPPOTERAPIA per DISABILI

Il nuovo libro e l'ippoterapia ai ragazzi disabili

CALAMITE – Storie Portate dal Viaggio

Presentazione del quarto libro di Luca Di Bianca – 13 settembre 2020 – insieme a Frank Polucci

«Cosa riporti di solito da un viaggio?»

«Calamite…»

«Allora avrai il frigo pieno con tutti questi viaggi!»

«No, ho il cuore pieno, ma c’è sempre spazio per emozionarmi attraverso gli occhi delle persone che incontro, attraverso le loro vite e i loro racconti. Queste calamite che riporto dai viaggi non si attaccano sul frigo, sono storie che rimangono attaccate all’anima e che rimangono in vita solamente se vengono sublimate, trasformate in immagini e storie inventate»

Quante volte ho sentito dirmi “riportami qualcosa”  quando sono sul punto di partenza, “riportami un souvenir, una calamita!” Non posso dire che non lo faccio, perché ogni volta che torno da un viaggio, i miei poli magnetici si ritrovano addosso immagini, racconti, incontri, storie, profumi, musiche, calamite che vengono dalle avventure trascorse; questo è quello che riporto dal viaggio, racconti inventati intrisi dall’esperienza vissuta, questi sono i miei gioielli.

“Calamite” è una raccolta di 10 storie accompagnate da immagini, ambientate in diversi paesi che ho visitato, i cui personaggi e la trama sono completamente inventati. Tra i destinatari principali ci sono anche i bambini, dato che sono i protagonisti di tutte le storie, ma è adatto a tutte le età, soprattutto a chi non ha mai smesso di sognare e a chi non si arrende di credere in un mondo migliore.— (tratto dall’introduzione)

IMG 20200908 WA0003 769x600

Alcune foto della presentazione avvenuta il giorno 13 settembre presso EcOfficina insieme al cantautore Frank Polucci ed il gruppo di Lettura Lettori Virali. Le vendite dei libri durante l’evento sono state donate all’Associazione Cieli Azzurri per un totale di 500 euro più l' IPPOTERAPIA presso il Manggio Quintilio Primo di Fabio Petrini nei pressi di Tivoli.

IMG 0374 800x575IMG 0390 2 800x533IMG 0403 2 800x531IMG 0417 800x533IMG 0442 800x502

Dopo l’evento sono stati bonificati i proventi della vendita dei libri “Calamite” all’Associazione Cieli Azzurri e pochi giorni dopo i ragazzi disabili hanno iniziato l’Ippoterapia presso il maneggio Quintilio Primo di Fabio Petrini presso Tivoli

119634728 636804010187065 8825573294282021208 n 800x600IMG 0028 2 800x495IMG 0036 800x580IMG 0056 800x543IMG 0060 800x596IMG 0063 800x545IMG 0067 800x550IMG 0069 800x533

“Nasciamo tutti possedendo già i tesori più grandi che avremo nella vita. E gli strumenti indispensabili di queste ricchezze sono il tempo e la salute. Il modo in cui userai i doni di Dio per aiutare te stesso e l’umanità sarà il modo in cui Gli renderai onore.

crocchianti calamite 2 800x568

CHIEDI ALLA POLVERE (con i terremotati)

Insieme ai ragazzi di Arquata del Tronto

IL CORAGGIO NON TREMA

Sabato 22 ottobre incontro con i ragazzi dell’Associazione CHIEDI ALLA POLVERE di Arquata del Tronto, uno dei paesi colpiti dal terremoto del 24 agosto. L’iniziativa nasce da Erick D’Alisa facente parte del Roma Club di Guidonia ed ha coinvolto anche l’amico scrittore-viaggiatore Luca Di Bianca. Sono stati raccolti stampanti, pc portatili e fissi e altro materiale di cancelleria per i ragazzi dell’Associazione il cui intento è quello di mantenere viva la memoria e gli accadimenti del paese  ”dal di dentro” anzichè dal “filtro” dei mass media.

Di seguito il messaggio dell’Associazione CHIEDI ALLA POLVERE:

“Quello che ci lega nel profondo a questo luogo é il senso di appartenenza. Tutti sentiamo di appartenere a queste montagne che ci cullano da quando siamo nati. Qualsiasi vincolo affettivo tra persone può svanire, sfumare nel giro di pochi anni, mentre ho la ferma convinzione che il legame con questo posto rimanga, nonostante le strade che ognuno é costretto a prendere nella propria vita possano portarlo lontano. Questo terremoto ha fatto sbiadire sogni, speranze e progetti che fin da piccoli legavamo ad Arquata, perché purtroppo ha reso quelle case macerie, quelle strade cumuli di massi e anche tutti noi più disillusi e razionali, ci ha privato dell’ottimismo della nostra immaginazione. La consapevolezza più grande però é quella che ognuno di noi lotterà perché il nostro paese non venga abbandonato, farà di tutto per veder tornare le cose alla normalità, perché andremmo contro noi stessi non perseguendo questo proposito. Ricominceremo a sognare il nostro futuro qui, nel piccolo angolo di paradiso che ci ha regalato emozioni incomparabili, dobbiamo ricominciare per quel senso di appartenenza che vive in noi.”

Di seguito alcune immagini dell’iniziativa con i ragazzi dell’Associazione e del Roma Club Guidonia.

chiedi alla polvere 600x600A 690x600B 800x564IMG 0032 800x533IMG 0035 800x533IMG 0068 800x533

IMG 0047 800x533IMG 0053 800x533IMG 0054 800x533IMG 0056 800x533IMG 0063 800x533

chiedi alla polvere 800x533IMG 0098 800x533IMG 0110 800x533IMG 0116 800x533IMG 0122 800x533IMG 0123 800x533IMG 0129 800x533IMG 0138 800x533IMG 0145 800x533IMG 0148 800x533

CORRIDOI ASCENSIONALI

Presentazione libro - Mondadori Roma e Guidonia

CORRIDOI ASCENSIONALI - QUELLO CHE EMERGE MIRA AL CIELO

Primavera 2008: da una Moleskine regalata nell'estate del 2007, nasce il primo libro di Luca Di Bianca.

Tutto il guadagno viene versato all'AIL, Associazione Italiana contro le Leucemie Linfomi e Mieloma

"i CORRIDOI ASCENSIONALI sono delle vie di fuga per tutto ciò che vive all’interno del mio corpo e che cerca di essere sublimato attraverso le parole, rivendicando una propria vita"

Articolo sul "Tiburno" e "Dentro Magazine"

2021 11 15 010660 784x6002021 11 15 010968 786x6002021 11 15 011030 800x497

DSCN6575 449x600DSCN6660 449x600

DALL'ALTRA PARTE DELLA CATTEDRA

Liceo scientifico Majorana, Guidonia. ROMA

La prima volta in un liceo...

Gli artisti Luca Di Bianca & Frank Polucci al Liceo Scientifico "Ettore Majorana" di Guidonia grazie alla mediazione del Prof. Marco Giardini. La performance  è stata effettuata l'intera mattinata del venerdi 6 maggio con diverse classi, e si è sviluppata in due percorsi esistenziali tra la musica, le immagini e le parole trattando prima il rapporto dell'uomo con la natura e delle sue affinità con i quattro elementi, il sole, la luna e le stelle; e poi del rapporto dell'uomo con il suo innato desiderio di essere libero e la sua dedizione al sogno come scintilla motrice.

"DALL'ALTRA PARTE DELLA CATTEDRA: tornare dopo 16 anni nel liceo che mi ha visto "antagonista" è stata un'esperienza veramente emozionante; un tuffo nel passato che mi ha consentito di rivedermi attraverso gli studenti, in quella fase della vita che è molto simile ad un cammino di un acrobata su un filo molto labile, basta poco per farlo spezzare e cadere giù nei vortici di un'inquieta adolescenza che invece di donarti le ali te le potrebbero tagliare per sempre, dove la vista è ancora appannata ed il mondo sembra essere lì per te, ragazzo ribelle che si sente indistruttibile, ma che in verità è ancora privo di fondamenta. Un pò il caso, fortuna o bravura, o forse perchè le cose dovevano avere questo corso, il filo sul quale camminavo in equilibrio, mano a mano si è trasformato in una strada sempre più nitida verso la voglia di conoscere la vita, il mondo e tutte le sue sfumature. Questo è quello che vedo ora, DALL'ALTRA PARTE DELLA CATTEDRA"

"Se la disillusione verso le istituzioni in generale, compreso il sistema "scuola" è rimasta, rimane indelebile anche l'affetto verso il Prof. Marco Giardini, che ai tempi del liceo è stato uno dei pochi a porsi prima come insegnante di vita e poi come insegnante di studio, sapendo che la prima apre le porte alla seconda" Luca Di Bianca

IMG 0365 2 647x600

 

In basso:Luca Di Bianca, Prof. Marco Giardini e Frank Poluccimigliore 800x533IMG 0371 800x533IMG 0372 800x533IMG 0375 800x533IMG 0376 800x533IMG 0377 800x533IMG 0387 800x533IMG 0391 2 800x533IMG 0391 800x533IMG 0392 800x533IMG 0399 2 449x600IMG 0405 2 400x600IMG 0410 2 400x600IMG 0411 2 400x600IMG 0419 400x600

DALLE SCUOLE AI CAMPI PROFUGHI

L'istruzione come arma per cambiare il mondo

INVERNO 2018

In vista del viaggio di volontariato nei campi profughi del popolo Sahrawi nel sud dell'Algeria, lo scrittore-viaggiatore Luca Di Bianca mette in piedi un progetto dove, oltre alle vendite dei suoi libri che andranno all'Associazione Jaima Sahrawi di Reggio Emilia, coinvolge le scuole elementari e medie dell'Istituto Montelucci di Guidonia. Per gli studenti si esibisce in una serie di incontri dove spega la sua missione e sottolinea l'importanza della scuola anche negli angoli più sfortunati del mondo; gli studenti hanno liberamente donato materiale scolastico che sarebbe poi andato ai bambini sahrawi dei campi profughi.

I racconti "L'Ultimo Griot", "Granelli di Sabbia", "Il lungo viaggio del salmone Dolly", "La piccola Finn e i Fuochi della Volpe", sono stati messi in scena grazie alla collaborazione di amici e musicisti come Frank Polucci, Kristian Oslo, Emanuele Chiarito, Elisa Fornari.

articolo croc 2 402x600 402x600legge bene alto 800x582 800x582TIBURNO 10 2017 800x375 800x375

Dalle scuole...

2 800x5214aa 800x5335a 800x5335 799x600IMG 20171023 WA0002 800x600IMG 1000 800x579IMG 1004 800x533IMG 1011 800x533IMG 1015 800x461IMG 1060 800x533IMG 1073 800x533IMG 1075 800x533IMG 1077 800x533

...ai campi profughiIMG 1134 800x533IMG 1135 800x533IMG 1138 800x533IMG 1412 800x533IMG 1418 800x533IMG 1423 800x533IMG 1425 800x533IMG 1429 800x533IMG 1430 800x533IMG 1431 800x533IMG 1662 751x600IMG 1708 2

EVENTO X PER IL NEPAL

Non canto - Non scatto - Non scrivo

PARTORIRE MUSICA, IMMAGINI E PAROLE + A WALK IN INDOCINA

Per la prima volta insieme LUCA DI BIANCA + FRANCESCO POLUCCI + STEFANO TOMASSETTI

L’intero incasso delle vendite dei libri “Il Cacciatore Errante” e “Nkuba  -la grande pioggia” è stato devoluto completamente all’ Organizzazione No-Profit AGIRE per aiutare la popolazione nepalese vittima del terremoto del 25 aprile 2015.

PER IL NEPAL!

PARTORIRE MUSICA, IMMAGINI E PAROLE

“Il viaggiatore e scrittore de “Il cacciatore errante”, Luca di Bianca e Il cantautore Francesco Polucci con il suo “Project solo”, ci accompagneranno in un viaggio circolare dentro e fuori di sè, attraverso la musica, le immagini e le parole. Su uno sfondo di fotografie scattate dallo scrittore in ogni angolo del mondo, i due artisti si intervalleranno con letture dinamiche, accompagnate da chitarra e brani musicali inediti, trattando diverse tematiche dell’anima e dell’esistenza umana.

 

A WALK IN INDOCHINA – STEFANO TOMASSETTI

Quale modo migliore per entrare in contatto con un posto, con la sua cultura, con i suoi odori, con le sue persone, se non con una passeggiata?
Passeggiare a piedi per le strade, per i mercati, per i villaggi di campagna, entrare nelle case, fermarsi a parlare con le persone, guardarle negli occhi, giocare coi bambini, è il modo più semplice e più bello che un viaggiatore ha per assaporare i luoghi in cui si trova.
Mi chiamo Smallboy e sono un photodreamer. Con una breve passeggiata di 30 scatti voglio accompagnarvi in alcuni luoghi nel Sud-Est Asiatico dove sono andato a perdermi per 4 mesi nell’esperienza più bella, emozionante e potente che abbia mai fatto finora….un viaggio in solitaria tra Birmania, Laos, Vietnam, Cambogia, Thailandia, Malesia e Bangladesh.

 1 800x5332 800x5334 800x5335 800x5337 800x5338 800x5339 800x53310 800x53311 800x53312 800x53313 800x53314 800x53315 800x53316 800x53317 800x533

FRA ORFANOTROFI, BIDONVILLE... e HIMBA

Donazioni lungo il viaggio in Namibia

Durante il viaggio in Namibia sono state programmate diverse visite per consegnare donazioni di materiale scolastico, vestiti, palloni da calcio e soldi derivanti dai proventi delle vendite dei libri all'orfanotrofio gestito dal volontario Dario Pastore.

Le fotografie di seguito sono inerenti solamente alle offerte, per quanto riguarda tutte le fotografie del viaggio in Namibia puoi vederle nella sezione "viaggi" "Namibia".

BIDONVILLE DI MONDESA... in bici, SWAKOPMUND

20190914 111516 800x600IMG 0187 C 800x533IMG 0211 800x533IMG 0221 800x5721aaaa3 800x533IMG 0158 800x533IMG 0195 800x533IMG 0198 800x533IMG kkkkk0149 800x533

ORFANOTROFIO DI KATUTURA, WINDHOEK gestito da Dario Pastore

4seeee 800x533IMG 0026 800x533IMG 0777 800x533IMG 0779 800x533IMG 0793 800x595

VILLAGGI HIMBA... con partita di calcio

1 800x5271 IMG 0544 800x5332 800x6005 800x5086 800x5337 800x60020190918 070151 800x600IMG 0541 800x533IMG 0557 800x533

 

Guida storica sul cammino di Santiago

Ad Limina Sancti Jacobi

“Ad Limina Sancti Jacobi” è una breve guida storica sul Cammino di Santiago che ho percorso come pellegrino qualche anno fa.

E’ possibile leggerla direttamente sul mio blog oppure può essere scaricata gratuitamente e poi stampata anche in modalità libretto, cliccando sul link a fine articolo.

Questo lavoro è stato redatto da me per conto dell’Università La Sapienza di Roma durante i miei anni da studente presso la facoltà di “Lettere e Filosofia” nel dipartimento “Storia, Cultura e Religioni”.

AD LIMINA SANCTI JACOBI

-sulla strada verso Santiago de Compostela-

LUCA DI BIANCA

INDICE (se letto on-line è utile  per la cronologia degli argomenti trattati) 

-INTRODUZIONE  /  ¡A SANTIAGO! / PARTE PRIMA /Giacomo / Oggetti ricordo: la conchiglia di San Giacomo / la Guida del pellegrino di Santiago / Il ruolo di Cluny nell’organizzazione del pellegrinaggio / Il Cammino Francese/La Credencial e la Compostelana /IL TESTO DELL’ANTICA BENEDIZIONE DEL PELLEGRINO / PARTE SECONDA / Roncisvalle e la battaglia di Orlando/Puenta la Reina: il ponte più famoso del Cammino /La Rioja: Domingo e il miracolo della gallina /Burgos, la città di Cid Campeador /Sahagun, la città di Bernardino / Verso la cima più alta: Cruz de Hierro /Ponferrada, la città dei Templari / O’Cebreiro, la porta della Galizia / Triacastela e il rito della pietra / Verso la meta: il Lavamentula e il Monte Gozo /Santiago de Compostela /EPILOGO /BIOGRAFIA

FONTI: -Raymond Oursel, “Pellegrini del Medioevo. Gli uomini, le strade, i santuari.” -Jean Richard, “Il Santo Viaggio. Pellegrini e viaggiatori nel Medioevo.”-Mariacarla Catagna e Riccardo Latini, “Guida al Cammino di Santiago”. -Barbara Frale, “I Templari”.

di te ha detto il mio cuore:

“cercate il suo volto”

il tuo volto, Signore, io cerco;

non nascondermi il tuo volto

(salmo 26)

INTRODUZIONE

 Il “pellegrinaggio” propriamente detto, è l’atto volontario con il quale un uomo abbandona i luoghi a lui consueti, le proprie abitudini ed il proprio ambiente affettivo per recarsi, in religiosità di spirito, fino al santuario che si è liberamente scelto o che gli è stato imposto dalla penitenza. Giunto alla fine del viaggio, il pellegrino attende sempre dal contatto col luogo santo “un qualcosa”, ad esempio che venga esaudito un suo legittimo desiderio personale oppure, aspirazione certo più nobile, un approfondimento della propria vita personale attraverso la decantazione dell’animo attuata lungo il cammino e attraverso la preghiera comune e la meditazione una volta giunto alla meta.

Il cristianesimo eredita il pellegrinaggio dalle antiche religioni ed offre i luoghi dove Gesù nacque, visse e morì per poi resuscitare e redimere il genere umano e dopo di lui i suoi seguaci. Con la pace a seguito dell’EDITTO DI COSTANTINO si diede a Betlemme la basilica della Natività e a Gerusalemme quella del Santo Sepolcro e si organizzò l’itinerario sacro per giungere alla TERRASANTA; la conquista islamica rallenterà l’afflusso dei pellegrini, che si interromperà nell’XI secolo con i Selgiuchidi, i cui atti violenti “giustificheranno” da parte cristiana l’inizio delle Crociate.

Il credente ha bisogno di segni per accrescere la propria fede ed il SANGUIS MARTYRUM diviene simbolo di culto, venerato sull’esempio di Cristo nelle grandi persecuzioni; le prime comunità si fondano proprio sulle reliquie delle sacre tombe, come il CULTO DI CRISTO e PAOLO. Con la rottura dell’unità cristiana, le comunità attingono conforto nel profondo sentimento di apostolocità; si afferma la figura di questi DEFENSOR CIVITATIS ed ogni città ha il suo martire, confessore o vergine dove vi è il CULTO DELLE RELIQUIE carnali che è l’elemento più sorprendente delle devozioni popolari dell’alto medioevo.

Lo spirito di pellegrinaggio si diffonde lungo tutto l’XI secolo per poi sfociare nella proclamazione delle CROCIATE di URBANO II a Clermont nel 1098. Questo sentimento rientra nella sfida all’insicurezza generale che porta al GRANDE RISVEGLIO DELL’ANNO MILLE, dove si ricostruiscono le più grandi e più belle basiliche di pellegrinaggio.

Il papato emerge e prende corpo l’idea di RIFORMA il cui motore è rappresentato dai MONASTERI che predicano al popolo le vite dei santi e le leggende agiografiche, facendo propaganda in favore delle visite ai corpi dei santi.

Il peccatore si sottopone o reclama enormi penitenze, tra queste il PELLEGRINAGGIO che porta al bisogno di grandi chiese che appagano le passioni del pellegrino e il suo bisogno di toccare con mano le sue credenze; è lo spirito di penitenza che lo muove, con la speranza che sui pericoli della strada l’anima si potrà placare ed aprire a Dio, che parla solo nel silenzio dell’abbandono umano.

Il voto di pellegrinaggio sollecita la scelta del santuario, che ne è il fine. ROMA offre le tombe degli apostoli SAN PIETRO nel Vaticano e SAN PAOLO fuori le mura ed inoltre c’è la venerazione delle reliquie di santi apostoli come Bartolomeo, Giacomo il Minore, Filippo, Simone, Giuda, Matteo e Andrea; eclissato dal pellegrinaggio verso GERUSALEMME, la città Santa per eccellenza, e Compostela, quello romano riconquisterà il fervore dopo che nel 1300 il papa Bonifacio VIII istituì l’anno giubilare.

Con la conquista dei Turchi Selgiuchidi nel 1078 di Gerusalemme, c’è l’esplosione di SANTIAGO DI COMPOSTELA.

¡A SANTIAGO! 

persone di lingue diverse, ma con una sola voce,

camminando, soffrendo e sudando,

ognuna con la propria croce; 

i luoghi in cui si dorme diventano castelli imperiali,

ci si sente liberi, sembra come aver le ali; 

i passi percorsi imprimono impronte indelebili nel cuore,

le persone incontrate diventano fratelli, l’astio muore; 

tutti quanti in cerca dell’immenso appago,

l’amore per la vita li unisce, e un grido,

¡a Santiago!

(tratto da “Il Cacciatore Errante” – Luca Di Bianca, Gruppo Albatros Editore)

PARTE PRIMA

-sulla nascita e sullo sviluppo del Cammino di Santiago-

GIACOMO

 Spagna IX secolo dell’era volgare.

I mori avanzano, invincibili, invadono ogni contrada, terra e borgo. Le città sotto la loro spada cadono una ad una, senza sosta, incapaci di fermare quell’orda che come un’onda le assale, le vince e le domina.

È più di cento anni che va così; dall’inizio dell’VIII secolo la Spagna è quasi tutta sotto il dominio arabo, solo la striscia di terra a nord, che si affaccia sull’oceano Atlantico, ne è esente. Lì mille regni diversi tengono testa agli invasori, ma nessuno sa quanto potrà durare; sono frammentati, divisi, aiutati solo da una geografia che rende lento il dilagare dei nemici Saraceni.

È in questo contesto ed in questa terra invasa che, secondo leggenda, un’eremita di nome Pelagio incominciò a vedere, durante le notti, una pioggia di stelle cadere sopra un campo presso il monte Libradòn. L’eremita avvisò Teodomiro, vescovo del luogo, e questi ordinò di scavare e sotto le pale affiorarono delle ossa. Correva l’anno 813.

La storia si perde, mescola le sue parole, cancella le spiegazioni, dimentica i perché adagiandosi nella leggenda, ma prende pure a sostenere, senza ombra di dubbio, che quelle ossa sono di una persona specifica: Giacomo, il pescatore di Galilea che quasi mille anni prima aveva navigato il Mediterraneo per arrivare fin lì a predicare la Buona Novella. Fratello di Giovanni l’evangelista, fu il primo a morire sotto la spada di Erode Agrippa che lo decapitò quando nel 42 fece ritorno in patria. Si narra che il corpo di Giacomo fu trafugato e dopo un viaggio di sette giorni riportato in Spagna; poi fu silenzio per secoli e di quel corpo non si seppe più nulla, fino a quelle notti in cui piovve luce.

Di Giacomo, in spagnolo Santiago, si tornò a parlare con la storia e la leggenda che si mescolavano nel IX secolo, quando in giro per l’Europa si sparse la voce del suo corpo ritrovato in contemporanea alla vittoria di re Ramiro I d’Asturia sull’esercito moro. La battaglia sembrava decisa ed il re spacciato, quando improvvisamente apparve nella zuffa Santiago, in sella al suo cavallo bianco ed i mori furono costretti a scappare: la Riconquista era iniziata. Correva l’anno 844.

Il Cammino nasce lì, nel cuore del medioevo, attorno alla terra che custodì per secoli il corpo di Giacomo.

Dall’Italia, dalla Francia, da ogni strada d’Europa si prese a camminare verso quella meta, ad itinerare in quell’unica direzione, con pellegrini a migliaia a riempire le strade da ogni dove: baschi, bavari, goti, navarri, provenzali, inglesi, bretoni, aquilani, pugliesi, armeni, daci, efesini. Nascevano ostelli, ospedali, ponti, monasteri ed intanto intorno al Cammino cresceva anche la storia e la leggenda di Santiago Matamoro, Giacomo l’ammazza-mori, eroe della Reconquista.

La storia poi prese un’altra direzione: la peste, le lotte intestine all’Europa, la nascita degli stati nazionali, si prese ad interessarsi d’altro ed il Cammino fu abbandonato e le ossa di Giacomo dimenticate e perse.

Si dovrà aspettare parecchio per tornare a sentirne parlare, almeno fino agli anni 80 dell’800, quando per dei lavori si scavò nella chiesa di Compostela e sotto l’altare maggiore riaffiorarono le sue tracce.

Il filo che sembrava annodato riprendeva a srotolarsi e la gente rincominciò a camminare. Passa ancora un secolo e nel 1985 l’UNESCO dichiara il Cammino di Santiago Patrimonio mondiale dell’Umanità; nel 1987 il Consiglio d’Europa lo riconosce come base della formazione culturale europea e nel 1989 Giovanni Paolo II dà appuntamento a Santiago de Compostela ai giovani di tutta Europa.

Monte Gozo – Santiago de Compostela

OGGETTI RICORDO: LA CONCHIGLIA DI SAN GIACOMO

La conchiglia raccolta a Fisterra in Galizia, un tempo conosciuta come FINIS TERRAE, gli estremi confini del mondo conosciuti nell’antichità, sarebbe diventata il simbolo e l’emblema di questo pellegrinaggio che continua ad estendersi da Santiago di Compostela fino alla fine della terra, sull’Atlantico. Lo jacquerie disponeva così di un ricordo palpabile, una testimonianza che aveva realmente calpestato la spiaggia dove la barca dell’apostolo attraccò, anche se il vero pellegrino conserva questa profonda esperienza nel proprio cuore, fortezza inespugnabile.

LA GUIDA DEL PELLEGRINO DI SANTIAGO

Quasi una guida turistica del XII secolo, la “Guida del Pellegrino di Santiago” è unica nel suo genere in tutta la letteratura medievale; il titolo è moderno e gli fu dato solo quando fu inclusa, come ultima parte, in un’opera in onore al Santo la cui copia originale è nella cattedrale di Compostela, il CODEX CALIXTINUS. La Guida è divisa in 11 capitoli che compongono 4 parti: la prima offre notizie generali sul pellegrinaggio, presenta le quattro strade che scendono dalla Francia e che diventano a Puenta la Reina un solo percorso per Santiago, il CAMINO FRANCES e si elencano quindi tutte le città da attraversare; la seconda parte enumera le terre e le persone che si incontrano sul Cammino di Santiago; la terza indica ai pellegrini i luoghi da visitare e la quarta infine è dedicata alla descrizione della Santa Metropoli e della sua basilica.

La Guida fu composta tra il 1132 e il 1135, forse da un monaco di Poitiers di nome AMERY PICAUD che alla fine sigilla il suo lavoro in nome della chiesa cattolica.

IL RUOLO DI CLUNY NELL’ORGANIZZAZIONE DEL PELLEGRINAGGIO

Per assicurare fama al pellegrinaggio di Galizia e facilitarvi l’accesso ai pellegrini, poteri civili e autorità religiose unirono i loro sforzi. ALFONSO II, Re delle Asturie, fece costruire la prima chiesa, che fu distrutta nel X secolo per poi essere ricostruita e passare sotto l’autorità del Regno di Castiglia con Ferdinando I.

Ai tempi della Guida il pellegrinaggio era al suo apogeo e la Reconquista fu un vero affare per la Spagna; molto probabilmente il Cammino fu “disegnato” a partire dal XII secolo e molti si dedicarono a quest’opera di allestimento e di assistenza, ma un nome emerge su tutti: l’ORDINE DI CLUNY. Per molti fu il vero e proprio organizzatore poichè sulle quattro strade, nelle principali tappe, ci sono monasteri del suo ordine, così come lo sono i priorati in Spagna; è inoltre la stessa Guida che afferma di essere presente “soprattutto a Cluny”, quasi a voler condurre il pellegrino verso le grandi abbazie affiliate a questa istituzione francese.

Cluny è stato il centro della storia religiosa d’occidente nell’XI-XII secolo, il periodo di maggior diffusione del pellegrinaggio di Compostela, ed il suo influsso artistico e spirituale fu notevole; è infatti sotto l’abbaziato di PIETRO IL VENERABILE che fu redatta la Guida e compilato il Liber Sancti Jacobi, tutto questo per favorire l’espansione e la diffusione del pellegrinaggio; lo stesso abate inoltre consigliò l’elezione del vescovo di Salamanca al seggio arcivescovile di Santiago, a sottolineare l’interesse per la città dell’apostolo.

L’influenza di Cluny nella Spagna del nord è presente anche nelle arti, date le affinità tra le chiese Romaniche del Cammino e le sue sorelle di Guascogna e Aquitania, con i loro volumi pesanti, i loro portali affollati di figure disposte a raggiera, le colonne, i contrafforti, le absidi poligonali che si rendono così famigliari al pellegrino che viene da regioni diverse. La riforma cluniacense penetrò in parte anche nella Spagna, ad esempio contribuì alla riforma di due abbazie di Navarra, decise da Sancio il Grande; uno dei suoi figli poi, Ferdinando re di Castiglia, andò anche oltre il programma di restaurazione monastica e, convinto di poter partecipare ai doni spirituali di questi religiosi, donò a favore dell’abbazia un tributo annuale con l’obbligo di attuarlo nel futuro. Il figlio Alfonso VI rafforzò il legame “re di Castiglia-Cluny” con il matrimonio con Costanza di Borgogna e dopo la conquista della Galizia, intitolatosi “imperatore di tutta la Spagna”, raddoppiò il tributo in favore dell’Ordine e gli cedette numerose chiese e monasteri e queste azioni continuarono con i suoi discendenti.

Nel XIV secolo i possedimenti spagnoli di Cluny sono più di trenta; amica e associata del re di Castiglia, l’abbazia borgognese si trovava così interessata, essendo sui punti nodali del Cammino, all’organizzazione del pellegrinaggio.

IL CAMMINO FRANCESE

Qualunque sia la strada che si percorreva per arrivare a Santiago, il Cammino si iniziava al grido “e ultreia e sus eia, Deus aia nos!” (e oltre e sopra Dio ci aiuta!).

Quattro sono le vie che scendono dalla Francia, arrivando da Tours, Vezelay, Le Puy o da Arles, via Tolosa; le prime tre valicano i Pirenei a Roncisvalle, l’ultima arriva e valica i picchi a Somport e una volta in terra di Spagna segur la regione aragonese verso nord (Cammino Aragonese) per poi ricollegarsi al Cammino Francese a Puenta la Reina, “dove tutti i Cammini si incontrano andando come un solo fiume verso Santiago”.

Il Cammino Francese è il più noto e frequentato; è la via diretta che attraversa il nord della penisola iberica, circa 800 km, tra la cittadina nei Paesi Baschi Francesi di St-Jean-Pied-de-Port, considerata la porta del Cammino, e Santiago de Compostela; poi altri 90 km per Finisterre. Si entra in terra di Spagna da Valcarlos attraverso due vie (via Bassa, via Alta) e poi, tenendo la direzione est-ovest, si attraversano quattro grandi regioni spagnole: Navarra, Rioja, Castiglia e Leon e infine la Galizia, ognuna con la sua fisionomia. Un viaggio nel tempo e nello spazio geografico dai climi più diversi, dalle umide e fresche montagne della Navarra, passando per l’ondulata e verdeggiante Rioja, fino agli assolati e quasi deserti altipiani della Castiglia e Leon e ai ruvidi saliscendi della piovosa e boscosa Galizia; quattro le grandi città che scandiscono il Cammino verso Santiago: Pamplona, Logroño, Burgos e Leon.

Chi andava a Santiago nei tempi antichi faceva testamento e partiva; gli venivano affidati un bastone ed una sacca aperta in cui mettere tutto il necessario. Era un viaggio di mesi, anni, qualche volta di una vita, ed i pericoli erano molti: il freddo dell’inverno, gli animali del bosco, i ladri e gli agguati, le malattie, i fiumi in piena e da guadare; per affrontarli bisognava mettersi insieme, proteggersi l’uno con l’altro, fare gruppo. L’andare di oggi ha smarrito quei rischi e anzi è preferibile percorrere il Cammino soli o con un amico fidato, per riuscire a godere dei silenzi e a scoprire nuovi incontri che la strada può offrire.

Tutto il percorso è ben segnalato e costellato da una gran quantità di simboli che tengono per mano il pellegrino e che si possono trovare ovunque: sui muri delle case, per terra, sul tronco degli alberi, sulle pietre, tracciati sul sentiero con mucchietti di sassolini o pezzetti di legno; sulle strade asfaltate invece a guidare il pellegrino c’è la conchiglia stilizzata, ad indicare la strada per Santiago.

Due sono i simboli che da subito si rendono famigliari al pellegrino: la freccia gialla (flecha amarilla) dipinta sui cartelli, che indica la direzione, e la conchiglia gialla su sfondo blu; le frecce nascono nel 1984, quando don Elìas Valina, parroco del Cebreiro, si fece regalare da un’impresa costruttrice della vernice gialla, avanzata dopo i lavori di segnalazione delle strade carrozzabili della zona; iniziò così a marcare il Cammino e da allora questo simbolo è diventato segno convenzionale lungo il percorso dei vari cammini che portano a Santiago.

La Via verso Santiago de Compostela

LA CREDENCIAL E LA COMPOSTELANA

La CREDENCIAL è una sorta di carta d’identità dei peregrinos di oggi in cammino verso Santiago de Compostela; si tratta di un piccolo passaporto per pellegrini, con degli spazi vuoti dove ogni sera viene apposto un timbro (sello) dai gestori degli ostelli.

La Credencial è necessaria innanzitutto per accedere agli ostelli riservati ai camminatori, che normalmente non accettano viaggiatori sprovvisti di questo documento e danno la precedenza ad entrare prima ai camminatori e poi, se rimane posto, ai ciclisti. Inoltre una volta raggiunta Santiago, la Credencial debitamente timbrata permette a coloro che hanno percorso il Cammino per motivi religiosi o spirituali di ricevere la COMPOSTELANA, cioè il certificato dell’Arcivescovato che testimonia l’avvenuto pellegrinaggio.

Questa moderna pergamena viene rilasciata a chi ha percorso almeno gli ultimi 100 km a piedi e gli ultimi 200 km in bici; negli uffici dell’Arcivescovato, un librone riporta la traduzione più appropriata dei nomi da qualunque idioma possibile al latino, lingua in cui la Compostelana è redatta.

                                  Credencial

Compostelana

IL TESTO DELL’ANTICA BENEDIZIONE DEL PELLEGRINO

O Dio, che portasti fuori il tuo servo Abramo

dalla città di Ur dei Caldei, proteggendolo

in tutte le sue peregrinazioni, e che fosti la guida

del popolo ebreo attraverso il deserto,

ti chiediamo di custodirci, noi tuoi servi,

che per amore del tuo nome andiamo pellegrini

a Santiago de Compostela.

Sii per noi compagno nella marcia, guida nelle difficoltà,

sollievo nella fatica, difesa nel pericolo,

albergo nel Cammino, ombra nel calore,

luce nell’oscurità,

conforto nello scoraggiamento e fermezza nei nostri propositi

perché, con la tua guida, giungiamo sani e salvi al termine del

Cammino e, arricchiti di grazia e virtù, torniamo illesi alle

nostre case, pieni di salute e di perenne allegria e pace.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

San Giacomo, apostolo di Gesù, prega per noi.

Maria, madre di Dio, prega per noi.

PARTE SECONDA

-sui luoghi del Cammino di Santiago-

RONCISVALLE E LA BATTAGLIA DI ORLANDO

Da St-Jean-Pied-de-Port si giunge dopo aver percorso circa 25 km a Roncisvalle, situata su una via romana che giungeva dai Pirenei e scendeva verso Pamplona. Era un luogo reso insicuro dai briganti baschi, ma con la loro evangelizzazione nel IX-X secolo si rianimò e nel 1132 il vescovo di Pamplona diede origine ad un’istituzione ospedaliera gestita dai canonici di Sant’Agostino.

LA BATTAGLIA DI RONCISVALLE, ricordata come una delle più celebri battaglie condotte da Carlo Magno, re dei Franchi, ancora oggi è oggetto di discussione; si dibatte se veramente possa essere considerata come un episodio della cosiddetta RECONQUISTA SPAGNOLA, dato che tale battaglia fu portata avanti dalle popolazioni iberiche di religione cristiana, mentre Roncisvalle faceva parte di quelle operazioni militari con cui Carlo Magno cercava di ampliare il suo impero. Questo scontro fu infatti un episodio bellico anomalo, amplificato in Occidente dalle Chansons de Gestes composte dai trovatori, che eternarono il mito di Carlo Magno, grande sovrano che si richiamava ai valori della fede cristiana e che se ne proclamava come il migliore e il più autorevole difensore, il mito del paladino Orlando, eroe leale ed impavido e quello di Gano di Maganza, traditore pronto a vanificarne gli sforzi.

Il fatto si svolse in appendice al fallito tentativo dell’imperatore franco di proporsi come difensore dei cristiani spagnoli che vivevano sotto il giogo politico degli emiri musulmani omayyadi di Al-Andalus. Attraversati i Pirenei, Carlo Magno conquistò Pamplona e Barcellona, e poi assediò Saragozza, ma ciò non portò dalla sua parte i cristiani locali, come egli aveva invece sperato, pochè costoro si sentivano più protetti sotto l’indifferente tolleranza dei musulmani spagnoli. Alla notizia di un’insurrezione dei sassoni, sottomessi da poco, Carlo Magno si mise di nuovo in marcia per rientrare in patria, affidando il comando della retroguardia ad Orlando, il più valoroso dei suoi paladini. Questo però, per il tradimento di Gano di Maganza, fu assalito nel passo di Roncisvalle da popolazioni basche, in parte cristiane, ma in gran parte ancora pagane; Orlando si rifiutò di chiamare soccorso prima di aver combattuto, e solo dopo una valorosa resistenza e la perdita di tutti i suoi compagni, con un ultimo sforzo sul punto di morte diede fiato all’olifante.

Era l’anno 778.

Col tempo questo scontro marginale fu trasfigurato e reso immortale dai poeti: i baschi furono trasformati in un’orda di 400.000 saraceni e la battaglia divenne uno dei più grandi e importanti scontri tra cristiani e musulmani. Nell’XI secolo la tradizione orale su questo scontro fu codificata nell’opera poetica, scritta da un anonimo trovatore e conosciuta col nome di CHANSON DE ROLAND.

La fama di Orlando e della battaglia di Roncisvalle era così stata resa immortale.


Monumento alla “Battaglia di Roncisvalle” – Roncisvalle

 PUENTA LA REINA: IL PONTE PIU’ FAMOSO DEL CAMMINO

 Si lasciano i Pirenei e si va verso Pamplona, prima grande città lungo il Cammino, per poi giungere al paese di PUENTA LA REINA, famoso perché qui si uniscono da sempre le due vie che provengono dai valichi di Roncisvalle e di Somport. E’ uno dei luoghi in cui è più forte la presenza del passato e la storia del Cammino; la città deve il suo nome al ponte pedonale ad archi sul rio Arga, costruito in epoca medievale su ordine della regina dona Mayor per facilitare il passaggio dei pellegrini.

Puenta la Reina

LA RIOJA: DOMINGO E IL MIRACOLO DELLA GALLINA

Passata Estella si abbandona la Navarra e si entra nella regione della Rioja, il cui capoluogo è LOGROÑO, la seconda grande città sulla via per Santiago, situata nella fertile pianura di vini pregiati ed ortaggi sulle rive dell’Ebro. E’ qui vicino che si svolse nel IX secolo la famosa battaglia di Clavijo in cui, secondo la leggenda, Santiago comparve in sella ad un cavallo bianco favorendo la vittoria delle truppe cattoliche sopra quelle dei mori.

Si giunge quindi a SANTO DOMINGO DE LA CALZADA, dove riposano i resti di una delle figure più emblematiche di tutto il Cammino: Domingo, l’eremita dei boschi, XI secolo. Un giorno si accorse dei pellegrini che andavano a Santiago e decise di aiutarli impiegando tutte le proprie energie per aprire, nel fitto delle foreste, una strada sicura per farli passare: disboscò, estirpò, ripulì, costruì, fondò un ospedale e la città dove sorge la cattedrale romanico-gotica.

Narra la leggenda che nel 1300 una famiglia, padre, madre e figlio, in pellegrinaggio da Colonia verso Santiago, si fermò per la notte in una locanda di Santo Domingo; la figlia del locandiere, colpita dalla bellezza del ragazzo, cercò di attirarne l’attenzione, ma il giovane non si fece sedurre e per vendicarsi la ragazza gli nascose nella sacca un piatto d’argento. Il giovane fu accusato di furto e venne catturato e impiccato come ladro. I genitori continuarono il pellegrinaggio e al ritorno si fermarono nella stessa locanda, trovando il figlio ancora vivo; il ragazzo raccontò di essere stato salvato da San Giacomo che gli aveva tenuto le gambe mentre veniva appeso alla corda, ma il padre gli avrebbe creduto solo se i due galletti arrostiti che gli erano stati serviti avessero ripreso vita; subito i due galletti riacquistarono le piume iniziando a cantare. In ricordo di questa leggenda all’interno della cattedrale ci sono due galline nella struttura del “gallinero”.

il “gallinero” – Santo Domingo della Calzada

BURGOS, LA CITTA’ DI CID CAMPEADOR

Si entra nella regione Castilla y Leon e si incontra la terza grande città del Cammino, BURGOS, che fu capitale del regno di Castilla. Sulla Plaza de Mio, c’è la statua equestre di Cid che con la spada sguainata ed il mantello al vento cavalca la carica; le sue spoglie riposano nella cattedrale a fianco di quelle della moglie, dona Jimena.

Ma chi era Rodrigo Diaz de Vivar, detto il CID CAMPEADOR? Figlio di una piccola famiglia di nobili provinciali, nacque in un paese non lontano da Burgos poco dopo il 1040; servì i re Sancho II e Alfonso IV di Castilla e chi meglio lo pagava, tra cui molti califfi arabi. Sconfisse in battaglia il conte di Barcellona e la dinastia degli Al-Murabitun e poi scatenò il suo esercito personale contro i Muwahhidi, anche se nel frattempo non ruppe mai definitivamente i contatti con la corona di Castilla; nel 1094, il Cid, dopo un lungo assedio, riuscì a conquistare Valencia, dove installò la sua residenza e regnò sino alla morte, avvenuta nel 1099.

La sua affascinante vedova, doña Jimena, nel 1102 dovette fuggire spinta dalla pressione militare degli stessi Al-Murabitun che erano stati sconfitti un tempo dal marito, ma non partì da sola: la donna portò con sé il corpo di Rodrigo, che sarebbe stato sepolto in un monastero non lontano da Burgos (la leggenda dice insieme al suo cavallo) e poi trasferito nel transetto della cattedrale cittadina.

Tra i primi esempi di lingua spagnola scritta, il poema del “Cantar de Mio Cid” venne completato intorno al 1206, probabilmente perché la corona di Spagna aveva la necessità di creare un suo eroe nazione, una figura necessaria per la mobilitazione nazionale richiesta dalla lunga Reconquista.

Burgos, statua equestre di Cid Campeador

SAHAGUN, LA CITTA’ DI BERNARDINO

 Sempre nella regione Castilla y Leon, si giunge a Sahagun, le cui origini risalgono al III secolo d.C., ma è solo con l’arrivo dei monaci francesi di Cluny nell’XI secolo che la città acquista importanza. Viene eretto un grandioso tempio romanico, il monastero benedettino di San Benito, sotto la cui guida la città guadagna tanta magnificenza da essere definita la “Cluny di Spagna”; oggi di quel complesso e di quello splendore non rimane che qualche vestigia ed il paese è tornato nell’ombra dei tempi che furono.

È la città di BERNARDINO DE RIVERA DE SAHAGUN, un missionario francescano spagnolo che svolse la sua opera in Messico tra il popolo Azteco (Nàhua) quando si imbarcò nel 1527 per la Nuova Spagna. A differenza di molti missionari del periodo, studiò la cultura Nàhua e la lingua nàhuatl e fu definito il “primo antropologo della storia” perché il suo metodo di lavoro era insolitamente avanzato per i tempi. Raccolse le huehuetlatolli (“parole degli anziani”), una sorta di filosofia morale degli Aztechi e poi iniziò anche a registrare i racconti indigeni della conquista; il risultato di questi suoi studi danno vita alla sua opera più corposa, uno studio sulla religione Azteca che col tempo diventerà un’ enciclopedia del sapere di questo popolo indigeno.

Il lavoro di Sahagun è conosciuto grazie ad un manoscritto chiamato Codice Fiorentino; scritto in nàhuatl, dopo una richiesta delle autorità spagnole fu scritto anche in casigliano: la “Historia general de las cosas de Nueva Espana”. Per le sue critiche al disordine sociale introdotto dalla conquista spagnola nella Nuova Spagna, nel 1577 Filippo II promulgò un’ordinanza regia in cui vietò a chiunque di prendere conoscenza e di contribuire alla diffusione di tale opera, che sarà pubblicata soltanto nel XIX secolo; fortunatamente il frate ne conservò una copia, visto che l’originale andò perduto.

Bernardino de Sahagun – Sahagun

VERSO LA CIMA PIU’ ALTA: CRUZ DE HIERRO

Quarta e ultima grande città prima di Santiago è LEON: fondata come campo per la VII legione romana nel 68 d.C., come certifica una pietra conservata nel museo di San Isidoro), nel Medioevo divenne capitale del regno asturiano-leonense (X secolo); da allora rimase la capitale più importante della Spagna fino al XIII secolo, quando la fusione dei regni di Castilla e Leon ne decretò la perdita del titolo.

Si giunge poi ad ASTORGA e da lì si affronta sicuramente uno dei tratti più faticosi del Cammino, la salita per CRUZ DE HIERRO, 1540 m., che è soprattutto uno dei luoghi più affascinanti del pellegrinaggio: un alto palo di legno, tra l’azzurro dell’aria ed il verde del bosco; in cima una croce di ferro e ai piedi una montagna di pietre portate dai pellegrini; poi bandane, fogli, foto, parole scritte nella carta o incise sulla superficie dell’ardesia, spesso in ricordo di persone care che non ci sono più.

Cruz de Hierro

PONFERRADA, LA CITTA’ DEI TEMPLARI

Discendendo dalla cima più alta del Cammino si giunge a PONFERRADA. Probabilmente già centro romano-asturiano, la capitale del Bierzo raggiunse la sua massima importanza nel XII secolo, quando divenne la città ed il presidio più importante dei Templari in Spagna; il castello templare è l’opera di maggior fama della città e fu eretto dai monaci-guerrieri che qui risedettero dal 1178 al 1312, anno in cui l’ordine si dissolse disperdendosi.

Ma chi erano i TEMPLARI? Tra i molti cavalieri che parteciparono alla prima crociata, alcuni scelsero di osservare i due tradizionali voti di povertà e castità, fregiandosi di una croce. Tra loro otto, forse nove, alloggiarono nelle vecchie stalle del tempio di Salomone, con il compito di scortare i pellegrini che da Giaffa si recavano a Gerusalemme: costoro, guidati da Ugo de Payens, si costituirono in ordine cavalleresco nel 1119 denominandosi “poveri cavalieri di Cristo”, ma ben presto furono chiamati semplicemente “templari”; nel 1125 furono riconosciuti ufficialmente dalla Chiesa.

Grazie all’appoggio di San Bernardo di Chiaravalle, i Templari divennero ben presto molto importanti in Europa, disponendo di ingenti risorse umane ed economiche; la potenza militare dell’ordine era accompagnate da un oculata amministrazione dei beni, che portò la banca del tempio ad essere così ricca e potente da tutelare i depositi della corona di Francia e della nobiltà europea.

Tale potere suscitò le preoccupazioni del re di Francia Filippo il Bello, che ordì un complotto ai danni dei Templari accusandoli di empietà ed eresia: nel 1307 furono arrestati con 111 capi di imputazione, imprigionati e torturati per ottenere delle confessioni; con la bolla Vox in Excelso del 1312 il Papa soppresse per via amministrativa l’ordine del Tempio e successivamente trasferì tutti i beni agli Ospitalieri. I dignitari dell’ordine, tra cui il Gran Maestro Jacques de Molay, furono condannati al carcere a vita, ma quando tutto sembrava concluso il Gran Maestro ed il precettore di Normandia Geoffroy de Charnay ritrattarono le confessioni e per questo furono arsi vivi.

Castello Templare – Ponferrada

O’CEBREIRO, LA PORTA DELLA GALIZIA

 O’Cebreiro era nel Medioevo una delle tappe più temute e forse ancora oggi è la più difficile dato che si scalano 690 m. di dislivello in 8 km di sterrato. E’ un piccolo paese, probabilmente di origine preromana, ma soprattutto è la porta di entrata in Galizia; un luogo mitico, a più di 1300 m. tra paesaggi umidi, case di pietra e paglia (pallazos), fumose nebbie.

Nella chiesa di Santa Maria la Real è conservato un particolare oggetto di culto: il calice del miracolo (galiz de milagro). Narra la leggenda che, in un gelido giorno di inverno, un contadino della zona si arrampicò fin quassù per seguire la messa; quando il prete lo vide arrivare pensò fosse matto per venire a seguire una messa con una tempesta come quella, ma in quell’istante il vino si trasformò nel sangue di Cristo; il prete lasciò cadere il calice ed il liquido si versò sui paramenti dell’altare che oggi sono ancora lì chiusi in una teca.

Santa Maria la Real – O’Cebreiro 

TRIACASTELA ED IL RITO DELLA PIETRA

 La Guida del pellegrino di Santiago ci ricorda un rituale che i pellegrini del Medioevo erano soliti fare: discendendo dal monte O’Cebreiro, il Cammino passava vicino a delle cave di pietra da calce di TRIACASTELA; qui i pellegrini ricevevano una pietra ciascuno e la trasportavano fino al forno posto all’odierna Santa Maria de Castaneda, da dove la calce era in seguito trasportata con carri fino a Santiago; non priva di significato simbolico, sicuramente serviva anche ad alimentare gli enormi cantieri della cattedrale.

 VERSO LA META: IL LAVAMENTULA ED IL MONTE DELLA GIOIA

Si attraversa la provincia di Lugo passando per le città di Sarria e Palas de Rei e da qui mancano soltanto 70 km; a 20 km circa dalla meta si giunge a LAVACOLLA dove, secondo la Guida del pellegrino di Santiago, gli antichi pellegrini “per amore dell’apostolo” usavano lavare se stessi e gli indumenti di tutto il cammino nel fiume Lavamentula, oggi solo un ruscello, per presentarsi puliti a Santiago.

Oltre al significato di una semplice pulizia corporale dopo tanto sudore, c’è quello più profondo di una generale purificazione. Da qui c’è l’inizio dell’ultima salita verso il MONTE GOZO, il Mons Gaudii ovvero il “monte della gioia”, chiamato così perché dall’alto della collina i pellegrini medievali vedevano per la prima volta le guglie della cattedrale di Santiago e ringraziavano il Signore per essere giunti sani e salvi alla meta.

quello che rimane del fiume Lavamentula, Lavacolla

 SANTIAGO DE COMPOSTELA

E’ una città unica, evocativa, carica di fascino e arte; tanto bella da sembrare avvolta in un alone di mistero; secondo la leggenda, il corpo dell’apostolo Giacomo fu rinvenuto nell’area dove sorge la CATTEDRALE.

Una prima chiesa intitolata a San Giacomo venne qui costruita all’inizio del IX secolo per volere del re delle Asturie Alfonso II; successivamente, nell’899 sotto re Alfonso III, fu rimpiazzata da un’altra più grande in stile protoromanico. Nel 997, durante il saccheggio della città di Santiago da parte dei berberi comandati da Al-Almansur, la chiesa protoromanica venne incendiata e le sue porte e campane fatte trasportare dagli schiavi alla Grande moschea di Cordoba. L’inizio dei lavori dell’attuale cattedrale risale al 1075 quando il vescovo Pelaez diede il via alla nuova costruzione: barocca con all’interno elementi romanici, il tempio venne completato nel XIII secolo e consacrato nel 1211, alla presenza del re Alfonso IX di Leon.

Nel 1128, 150 anni dopo il suo inizio, la nuova cattedrale era completata e Mastro Mateo vi aveva scolpito il suo capolavoro: il Portico della Gloria. Nel tempo la cattedrale ha subito mille rimescolamenti e cambi di stile, ma quel gruppo scultoreo ancora rimane ed è universalmente riconosciuto come il più grande “monumento iconografico della scultura medioevale”; è la porta sotto cui i tutti i pellegrini che arrivano a Santiago passano. Tre archi: quello Centrale, il più maestoso, ha un Cristo glorioso sulla sua sommità, nell’archivolto i 24 anziani dell’apocalisse e appena sotto c’è Giacomo che pare stia ad accogliere i pellegrini che arrivano; sulla colonna cinque solchi, scavati dalle mani delle migliaia di persone che nei secoli si sono appoggiate a quella pietra, a dire “grazie” per il Cammino compiuto, per la strada percorsa. All’interno, la Capilla Mayor, posta dietro l’altare maggiore, conserva una statua di Giacomo alla quale si accede salendo una scaletta; è del 1211 e l’espressione del Santo è così accogliente e serena che questo sembra quasi commuoversi all’abbraccio che i pellegrini usano dargli come ringraziamento dell’avvenuto pellegrinaggio.

Nella cripta sottostante, in un’urna d’argento cesellata in stile romanico, sono conservate le reliquie del Santo. Dalla cupola ottagonale del 1445 pende il botafumero, gigantesco turibolo dell’incenso che viene fatto oscillare da un estremo all’altro della navata a crociera nei giorni delle celebrazioni solenni. Annesso alla cattedrale si trova un chiostro del XVI secolo, i locali che vi si affacciano sono stati trasformati in un importante museo nel quale è conservato, tra l’altro, il Codex Calixtinus.

Cattedrale di Santiago de Compostela

 EPILOGO

La meta è stata raggiunta.

Per ognuno dei pellegrini ora il problema non sarà più quello di faticare sotto il sole o la pioggia, ma quello ben più arduo, di tornare alla vita di tutti i giorni, agli uffici, alle fabbriche, ai computer, al traffico.

Il significato del cammino non è la meta, ma l’andare, la crescita, attimo dopo attimo, piangendo per poi ridere, cadendo per poi rialzarsi, ogni momento viene stampato nel cuore, bagaglio incommensurabile d’esperienza.

Il senso della vita non è altro che viverla, accettando le sofferenze così come le gioie, perché solo se ci si sente nell’inferno si può desiderare e gioire del paradiso, e perché un uccello che non è mai stato in gabbia non può dirsi consapevolmente libero.

 (tratto da “Il Cacciatore Errante”, Luca Di Bianca, Gruppo Albatros Editore)

Alto de San Roque – Galizia

 Camminando si apprende la vita

camminando si conoscono le cose

camminando si sanano le ferite del giorno prima; 

cammina 

guardando una stella, ascoltando una voce

seguendo le orme di altri passi;

 cammina

cercando la vita, curando le ferite lasciate dai dolori

niente

può cancellare il ricordo del cammino percorso. 

Rubèn Blades

 BIOGRAFIA

Luca Di Bianca è nato nel 1980 e attualmente vive nella provincia di Roma. Si è laureato in Scienze Storiche presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma, per la quale ha effettuato anche una breve ricerca sul campo, per fini antropologici, presso l’etnia Nzema nel sud-ovest del Ghana. Collabora come Tour Coordinator presso “Viaggi Avventure nel Mondo” mantenendo viva la sua passione per il viaggio. Si guadagna da vivere lavorando come operaio.

Nel 2008 ha scritto “Corridoi Ascensionali” – Gruppo Albatros Il Filo (il guadagno in beneficenza all’AIL, Associazione italiana contro la leucemia)

Nel 2009 “Ad Limina Sancti Jacobi”, un manuale storico sul Cammino di Santiago – disponibile presso gli archivi dell’Università La Sapienza di Roma e scaricabile on-line.

Nel 2011 “La Via Campesina, una globalizzazione dal basso” – disponibile presso gli archivi dell’Università La Sapienza di Roma e su richiesta.

Nel 2014 “Fuoco Perpetuo” – Vitale Editore;

“Il Cacciatore Errante” – Gruppo Albatros Il Filo

“Nkuba, La Grande Pioggia” – Etichetta indipendente e disponibile su richiesta.

Luca collabora attivamente con l’Associazione Tam Tam Onlus; il ricavato della vendita del suo ultimo libro “Il Cacciatore Errante” e di “Nkuba, La Grande Pioggia” è devoluto per il sostentamento dell’orfanotrofio di Jimma, Addis Abeba, Etiopia (www.associazionetamtam.it)

www.lucadibianca.it

I PICCOLI GRIOT

Scuola elementare A.Manzi Guidonia (RM)

PROGETTO "I PICCOLI GRIOT" - Luca Di Bianca & Frank Polucci

Presentazione del racconto "L'Ultimo Griot", scritto per  i bambini delle classi 4C, 5C, 5D, 5E delle scuole elementari dell'Istituto A.Manzi di Guidonia e proiezione delle fotografia della consegna delle donazioni che i bambini hanno fatto per i loro coetanei senegalesi. Parte del ricavato dei libri di Luca Di Bianca, materiale scolastico e piccoli giocattoli sono stati donati grazie alla mediazione dell'insegnante Margherita D'Alessandro in vista del viaggio in Senegal di Luca Di Bianca che vedeva la visita in diversi villaggi malfamati e nella scuola "Fabrizio et Cyrill" nella banlieu di Dakar, nata per accogliere i bambini "rigettati" dalla scuola pubblica o non in grado di pagarsi un istruzione.

Questa iniziativa aveva l'obiettivo di fare "specchiare" i nostri bambini con una realtà completamente differente dalla loro, sensibilizzarli e rafforzare la consapevolezza della loro fortuna di vivere in un contesto meno severo; il messaggio, come riportato in alcuni messaggi dei bambini "scannerizzati" alla fine di questo articolo, sembra sia arrivato a destinazione :)

paint copertina 566x600

Il seguente articolo è stato scritto dalla giornalista Claudia Crocchianti per il quotidiano "Il Tempo".

1 IL TEMPO SENEGAL 781x600IL TEMPO SENEGAL 2 800x597

Le fotografie sono state scattate dalla fotografa Cristina Aruffo che ringraziamo vivamente.

 DSC1948 800x533 DSC1951 2 800x533 DSC1969 400x600 DSC1973 800x533 DSC1983 800x533 DSC1991 400x600 DSC2012 2 800x533 DSC2012 800x533 DSC2035 800x533 DSC2049 800x533 DSC2122 800x533

LUCA DI BIANCA, L'INSEGNANTE MARGHERITA D'ALESSANDRO E FRANCESCO "FRANK" POLUCCI DSC2162 3 499x600

alcuni messaggi dei bambini

Digitalizzato 20160515 2 413x600Digitalizzato 20160515 3 800x563Digitalizzato 20160515 4 420x600Digitalizzato 20160515 5 481x600Digitalizzato 20160515 6 436x600Digitalizzato 20160515 7 436x600Digitalizzato 20160515 8 436x600Digitalizzato 20160515 9 422x600Digitalizzato 20160515 10 405x600Digitalizzato 20160515 436x600

Sono stati raccolti piccoli giocattoli e materiale scolastico che i bambini hanno volontariamente donato in vista del mio viaggio in Senegal  e delle mie visite in scuole e villaggi. Le foto di seguito sono state fatte vedere ai bambini “donatori” in modo da potersi mettere a confronto con una realtà completamente differente dalla loro, più povera, meno fortunata, ma stranamente più sorridente.  ”La pietra scartata dai costruttori è divenuta testata d’angolo” Salmi 117, 22-23.

damod SENEGAL REFLEX 454 800x533damod SENEGAL REFLEX 502 800x533SENEGAL COMPATTA 010 800x600SENEGAL COMPATTA 015 800x600SENEGAL REFLEX 016 800x533SENEGAL REFLEX 018 800x533SENEGAL REFLEX 026 400x600SENEGAL REFLEX 034 800x533SENEGAL REFLEX 046 800x533SENEGAL REFLEX 082 800x533SENEGAL REFLEX 087 800x533SENEGAL REFLEX 089 800x533SENEGAL REFLEX 093 800x533SENEGAL REFLEX 103 800x533SENEGAL REFLEX 120 800x533SENEGAL REFLEX 122 800x533SENEGAL REFLEX 187 800x533SENEGAL REFLEX 348 800x533SENEGAL REFLEX 354 800x533SENEGAL REFLEX 355 800x533SENEGAL REFLEX 386 800x533SENEGAL REFLEX 389 800x533SENEGAL REFLEX 390 800x533SENEGAL REFLEX 397 800x533SENEGAL REFLEX 421 800x533SENEGAL REFLEX 423 800x533SENEGAL REFLEX 434 800x533SENEGAL REFLEX 435 800x533SENEGAL REFLEX 438 800x533SENEGAL REFLEX 441 800x533SENEGAL REFLEX 443 800x533SENEGAL REFLEX 459 800x533SENEGAL REFLEX 470 800x533SENEGAL REFLEX 471 800x533SENEGAL REFLEX 473 800x533SENEGAL REFLEX 481 800x533SENEGAL REFLEX 486 800x533SENEGAL REFLEX 490 800x533SENEGAL REFLEX 491 800x533SENEGAL REFLEX 504 800x533SENEGAL REFLEX 505 800x533SENEGAL REFLEX 507 800x533SENEGAL REFLEX 509 800x533SENEGAL REFLEX 510 800x533SENEGAL REFLEX 558 800x533SENEGAL REFLEX 559 800x533SENEGAL REFLEX 560 800x533

 

IL CACCIATORE ERRANTE

Presentazione Libro

IL CACCIATORE ERRANTE

"siamo i volti di un'unica grande anima"

Maggio 2014 presentazione del nuovo libro, una raccolta di pensieri, poesia, prosa e immagini, i cui primi proventi andranno in beneficenza all'Associazione Tam Tam per gli orfani di Addis Abeba.

Sotto alcune foto insieme all'associazione ed eventi svolti a Roma e dintorni.

PRESENTAZIONE LANCIANI 015 800x600PRESENTAZIONE LANCIANI 117 800x600PRESENTAZIONE LANCIANI 142 800x600roma vintage luca 800x531

Premiazioni, interviste e articoli di giornale

DSCF0483 800x600eventi 006 800x600foto gerano 800x567img003 413x600img004 495x600img005 401x600mondadori 028 800x600prima stampa 1 800x597prima stampa 2 765x600TIBURNO 800x593w 253 800x600w 254 800x600

articolo roma today page 0001 424x600

Il Cacciatore Errante

ISTITUTO PENITENZIARIO DI REBIBBIA

...prove di evasione mentale...

4 novembre 2015

Luca Di Bianca & Francesco Polucci presso l’istituto penitenziario di Rebibbia, Roma

Uno speciale ringraziamento a Stefano Branchi per la riuscita dell’evento.

Fotografie per gentile concessione dell’Ispettore Luigi Giannelli

UN PONTE PER LA LUNA 

-MUSICA-IMMAGINI-PAROLE di Luca Di Bianca e Francesco Polucci-

“Come stelle cadute del cielo, gli uomini che hanno smesso di credere in sè stessi vagano sulla terra senza riuscire più a guardare l’altra faccia della luna, quella faccia che quasi nessuno conosce, forse perchè ha paura a mostrare o forse perchè l’occhio umano difficilmente a vederla riesce.
Solo se si continua ad alimentare i propri sogni ed a mantenere vive le parole di chi è partito per un altro viaggio, saremo in grado di camminare stabili sul ponte della nostra esistenza che porta verso la Vera faccia della Luna”.

287 tolto il muro 800x5332867 800x5332870 800x5332881 800x5332881 bis 800x5332906 2 800x5332907 800x5332911 2 800x5332917BN 800x5332917 800x533

ITACA - contro l'anemia Fanconi

Grand Hotel Duca D'Este - TIVOLI (ROMA)

LUCA DI BIANCA & FRANCESCO POLUCCI PER IL FAMILY DAY DELL’AIRFA ONLUS

(ASSOCIAZIONE ITALIANA  RICERCA SULL’ANEMIA FANCONI)

tutto il guadagno della vendita dei libri di Luca Di Bianca è andato in baneficenza alla suddetto Onlus.

PARTORIRE MUSICA IMMAGINI E PAROLE

Il viaggiatore e scrittore de “Il cacciatore errante” Luca di Bianca e il cantautore Francesco Polucci con il suo “Project solo”, ci accompagneranno in un viaggio circolare dentro e fuori di sè, attraverso la musica, le immagini e le parole. Su uno sfondo di fotografie scattate dallo scrittore in ogni angolo del mondo, i due artisti si intervalleranno con letture dinamiche, accompagnate da chitarra e brani musicali inediti, trattando diverse tematiche dell’anima e dell’esistenza umana.

 

2 400x6005 800x5337 800x5338 800x5339 800x53312 800x53315 800x53319 800x53320 800x53321 800x53322 800x53323 800x53324 800x53325 400x60027 800x53335 800x5333636 800x53337 800x53338 800x53339 800x53340 1 800x53340 800x53341 800x53342 800x53344 800x53345 800x533

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

L'EQUILIBRIO MOLTEPLICE DELL'UNO

Presentazione libro insieme ai Cieli Azzurri

“La gente li chiama matti, pazzi, anormali, solo perché non capisce quello che pensano e dicono. Ma la loro lingua è la lingua di Dio. Per questo noi li chiamiamo “Voluti da Dio”. E dobbiamo rispettarli, tutti. A nessuno è permesso di toccarli, neanche con un dito; ed è a noi che spetta proteggerli.” Nonno Kuzja, Educazione Siberiana

IMG 0695 800x533

20 NOVEMBRE 2016 – Lanciani Bar & Garden, Guidonia (Roma)

Presentazione dell’ultima opera di Luca Di Bianca “L’Equilibrio Molteplice dell’Uno” e dell’ultimo progetto di musica-immagini-parole  insieme a Frank Polucci. Presente all’evento il presidente dei “Cieli Azzurri”, associazione che sostiene i ragazzi diversamente abili di Guidonia, Emanuela Bracchitta.

Gli introiti della serata e delle prime offerte è stato devoluto da Luca Di Bianca all’associazione ed ammonta a 1700 euro.

Digitalizzato 20161121 436x600

CHI SONO I CIELI AZZURRI?

Lo scopo del Centro “Cieli Azzurri” è offrire assistenza e sostegno alle famiglie con portatori di handicap, spesso profondamente disagiate ed isolate da una società che tende ad ignorare i gravi problemi a cui sono sottoposte. Oggi circa 25 ragazzi frequentano il “Centro“: tutti con un ritardo psicomotorio medio grave. L’attività giornaliera, comprensiva del servizio mensa, si svolge dalle ore 9:00 alle ore 16:30. Per l’intero arco della giornata, con l’aiuto di personale specializzato e di volontari vengono svolte diverse attività tra cui: autonomia, teatro, giardinaggio, cucina, sartoria, nuoto.

L'EQUILIBRIO MOLTEPLICE DELL'UNO

…mai stanco di spalancare occhi e cuore sul mondo, gaudente nel riconoscere se stesso negli altri e in tutto ciò che è intorno.
Una ricerca che lo fa preda, diviene una pagina di un libro, contenente molecole viventi, gocce divine in equilibrio.
E’ assorbito dal mondo come un nascituro, è moltitudine ma vede tutto come Uno: Universo spazio infinito vuoto, terra aria acqua e fuoco;
uomini anime alberi e animali, nuvole vulcani pietre e minerali; sole luna alba e tramonto, gambe braccia cuore e volto;
un disegno divino che non appartiene a nessuno, NOI, l’Equilibrio Molteplice dell’Uno.

Diapositiva1 800x554Diapositiva11 800x554Digitalizzato 20161122 729x600 729x600roma today Lequilibrio Molteplice dellUno viaggio tra i racconti di Luca Di Bianca 001 548x600 548x600TIBURNO 2 736x600

Luca Di Bianca, Emanuela Bracchitta (presidente dell'Associazione Cieli Azzurri) e Frank Polucci.

 

IMG 0701 800x533IMG 0702 800x533IMG 0704 800x533IMG 0705 800x533IMG 0697 800x533IMG 0706 800x533IMG 0711 800x533.0.

MONDADORI, ROMA

Presentazione l'Equilibrio Molteplice dell'Uno

MONDADORI BOOKSTORE Via Appia, Roma.

Presentazione dell’ultima opera di Luca Di Bianca “L’Equilibrio Molteplice dell’Uno”

…mai stanco di spalancare occhi e cuore sul mondo,
gaudente nel riconoscere se stesso negli altri e in tutto ciò che è intorno.
Una ricerca che lo fa preda, diviene una pagina di un libro,
contenente molecole viventi, gocce divine in equilibrio.
E’ assorbito dal mondo come un nascituro, è moltitudine ma vede tutto come Uno:
Universo spazio infinito vuoto, terra aria acqua e fuoco;
uomini anime alberi e animali, nuvole vulcani pietre e minerali;
sole luna alba e tramonto, gambe braccia cuore e volto;
un disegno divino che non appartiene a nessuno,
NOI, l’Equilibrio Molteplice dell’Uno

IMG 0154 800x533IMG 0155 800x533IMG 0168 800x533IMG 0180 800x533IMG 0187 800x533

ARTICOLO SULLA RIVISTA ON-LINE ROMA TODAY, a cura di Mauro Cifelli

http://guidonia.romatoday.it/luca-di-bianca-equilibrio-molteplice-uno.html

roma today Lequilibrio Molteplice dellUno viaggio tra i racconti di Luca Di Bianca 001 548x600 548x600

NAZIONALE ITALIANA POETI

Iniziative di cultura e sport a scopo benefico

Il giorno sabato 20 novembre lo scrittore-viaggiatore Luca Di Bianca entra a far parte della Nazionale Italiana Poeti (NIP); di seguito un estratto dal sito  www.nazionaleitalianapoeti.it per spiegare le finalità dell'associazione

logo nip scaled 800x560

La Nazionale Italiana Poeti è un’associazione culturale sportiva senza scopi di lucro ideata e fondata dal poeta Michele Gentile. Presidente Onorario dell’associazione è il Dott. Gianni Maritati, scrittore, giornalista, Vice Capo Redattore Cultura e Spettacolo del Tg1. Socio Onorario il grande poeta Dante Maffia.

La Nazionale Italiana Poeti è composta totalmente da poeti italiani. Nasce con il preciso intento di portare letture e libri di poesia all’interno degli stadi di calcio per sublimare il connubio sport cultura nella maniera più concreta possibile.

La Nazionale Italiana Poeti prima di scendere in campo, durante l’intervallo e a partita finita,  promuove letture di componimenti poetici direttamente dal campo di calcio. La Nazionale Italiana Poeti organizza e partecipa a partite con finalità esclusivamente solidali, per raccogliere fondi che vadano totalmente destinati in beneficenza. Non chiede rimborsi spesa, gettoni di presenza, nessuna somma di denaro per giocare.

D’ispirazione Pasoliniana, la Nazionale Italiana Poeti porta calcio e poesia nelle periferie, negli ospedali, nelle piazze, nelle scuole, negli Istituti penitenziari ed in tutte le manifestazioni sportive.

La Nazionale Italiana Poeti ad oggi è’ un vanto tipicamente italiano, non esiste infatti al mondo alcuna realtà simile.

nazionaleitalianapoeti3 800x563

Il "battesimo" c'è stato con l'evento presso il Colosseo "La Poesia si fa strada"

nipIMG 20211120 WA00422 800x486nipIMG 20211128 234228091 800x600

La prima partita si è svolta il giorno 28 novembre 2021 presso Cortona per sostenere l'ospedale pedriatico Meyer.

nipIMG 20211128 195054584 HDR 800x600nipIMG 20211128 WA0120 800x600

nipIMG 20211128 142721470 800x600

...e primo trofeo

nipIMG 20211128 WA0047 450x600

...segui tutte le iniziative nella sezione "News/Eventi"

lUCA DI BIANCA

SCRITTORE-VIAGGIATORE
Luca Di Bianca è uno scrittore-viaggiatore e scrive per beneficenza. I proventi dei suoi libri hanno finanziato diversi progetti e associazioni

Sostieni i miei progetti acquistando i libri. Contattami o clicca sull'icona Amazon.